martedì 28 giugno 2016

SISTEMA IMPRESA

04-09-2013

L’Europa riparte, l'Italia no.

Tazza: “Servono misure per agganciare la ripresa”




Non tranquillizza la stima dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) di una contrazione del Pil dell’Italia dell'1,8% nel 2013. Ancor più se si considera che il Pil italiano è l'unico tra i Paesi del G7 ad essere negativo per l'anno in corso e in relazione ai dati degli altri Stati europei:  la Francia registrerà a fine anno una crescita dello 0,3%, la Germania dello 0,7%, la Gran Bretagna dell'1,5%, nonostante permanga una diffusa vulnerabilità nell'intera Eurozona.

 

«Benché siano comparsi timidi segnali di ripresa» ha spiegato Berlino Tazza, presidente di Sistema Commercio e Impresa «auspichiamo che il Governo attui ulteriori misure per agganciare concretamente questi segnali e per predisporli a quando la ripresa sarà più netta.


Servono riforme per aumentare la produttività, destinate a migliorare la competitività e le performance nell'export - unico settore che ha dimostrato di reggere nonostante la crisi - ma anche finalizzate al rilancio della domanda interna. Ahimè, le recenti misure non sono sufficienti a far ripartire i consumi.

 

Un’incisiva riforma del fisco e misure volte ad accrescere il potere di acquisto dei consumatori sono le strade da percorrere. Contenere la disoccupazione diventa allora prioritario. Purtroppo il rischio resta elevato in molte economie avanzate».

 

  • ebiten nazionale
  • formazienda
  • fidicom asvifidi