giovedì 30 giugno 2016

SISTEMA IMPRESA

28-02-2014

L'innovazione protagonista al Forum Roma Tech&Lighting

Valentini «Per una nuova cultura del lavoro, investire nelle idee e diffondere la formazione continua»




 

Il convegno Roma Tech & Lighting Fortrec, tenutosi a Roma ieri, promosso dall’associazione Assodel e dedicato agli hotel ecologici che utilizzano l’illuminazione a Led, ha visto la partecipazione e il patrocinio della confederazione Sistema Commercio e Impresa.

 

 

Chiara Valentini, direttore delle Politiche Attive e Passive del Lavoro di Sistema Commercio e Impresa, in questa occasione d'incontro per l'electronics community del Lazio e di tutto il Centro - Sud Italia, ha tenuto un discorso molto apprezzato in merito all’attività di ricerca e all’ innovazione,  motori fondamentali di economia e sviluppo.

 

L’innovazione per far ripartire il paese

 

Durante la premiazione ai giovani talenti e designer del Custom Prize 2014, ha esposto una panoramica della situazione italiana in merito a Ricerca e Sviluppo, che secondo i dati del report Istat 2014 Istat dell' edizione 2014 investe l’1,25% del Pil.

 

«Questi sono dati ci danno la possibilità di fotografare la realtà del Paese» ha dichiarato il direttore Chiara Valentini «Indicare, infatti, il livello del progresso aiuta a conoscere come migliorare la situazione sociale ed economica. Uno dei segnali che le imprese possono dare è quello di investire in idee e innovazioni, ovvero elementi che fanno naturalmente parte del nostro DNA. Non si tratta esclusivamente di avere sensibilità nei confronti di categorie che con la disoccupazione giovanile sono svantaggiate. Quanto piuttosto di riconoscere nel concreto forze e giovani talenti, rilanciare l’occupazione e riportarla a livelli normali tramite la formazione, la riqualificazione, gli strumenti di orientamento, la ricerca attiva e le esperienze lavorative».

Secondo i dati Istat relativi alla formazione, nel 2011 il numero di laureati in discipline tecnico-scientifiche è pari a 12,9 ogni mille residenti tra i 20 e i 29 anni. Rispetto al 2000, il valore dell’indicatore è più che raddoppiato, sia per gli uomini sia per le donne.

«La formazione è un aspetto in cui crediamo profondamente e che speriamo diventi una realtà generalizzata» commenta il direttore Valentini «Per questo motivo la promozione e il finanziamento del long life learning sono priorità per una crescita intelligente, sostenibile ed inclusiva. Sistema Commercio e Impresa attraverso i suoi strumenti delinea piani strategici che puntano alla valorizzazione delle risorse umane nel mercato del lavoro grazie alla proficua collaborazione tra parti sociali e diversi operatori del sistema lavoro, della formazione e dell’orientamento».

 

I dati del Forum dell’Innovazione delle Camere di commercio

 

In termini di innovazione un altro dato può aiutare a inquadrare la situazione. Secondo quanto reso noto nel corso del Forum dell’Innovazione delle Camere di commercio, organizzato da Unioncamere lo scorso dicembre, negli ultimi cinque anni i brevetti italiani a tecnologia ‘green’ registrati in Europa sono cresciuti del 5,4% e quelli nelle Ket (Key Enabling Technologies) dell’1,1%. Un dato importante perché le cosiddette ‘tecnologie abilitanti’ sono ritenute capaci di innescare processi di innovazione accelerata in modo trasversale in più settori produttivi. Il settore della green economy è considerato un ambito con forti opportunità di sviluppo e di investimento, le imprese italiane più dinamiche sui mercati internazionali hanno adottato strategie di questo tipo.

Da sottolineare inoltre che, in questi anni, il nostro Paese ha incrementato lo sviluppo tecnologico su settori applicativi che la Commissione Europea reputa a forte valenza strategica, con ricadute positive sia sulla competitività delle nostre imprese sia sulla capacità di attrarre capitali in cerca di idee e progetti imprenditoriali a forte capacità di sviluppo.

 

 

Fare sistema e diffondere la formazione continua 

 


«Alla luce dei fatti, un solo augurio, quindi. Bisogna saper osare, ritagliare una fetta di mercato e fare gesti significativi che facciano ripartire definitivamente l’Italia. Per Eurostat, l'ufficio statistiche dell’Ue, la disoccupazione giovanile in Italia ha raggiunto la quota record di 41,6 per cento. Il paradosso è che il 47% degli imprenditori intervistati dichiara di non trovare le professionalità di cui ha bisogno mentre il 72% degli enti di formazione ritiene che i giovani abbiano le competenze giuste al termine del percorso di istruzione. È importante, quindi, fare sistema e capire che il motore per il rilancio economico è rappresentato da un bagaglio di esperienze, formazione qualificata, intuito e genialità.

Design, artigianalità e tecnologia contribuiscono alla nascita di una nuova cultura del lavoro, dove la capacità industriale apre nuove strade alla bellezza e alla qualità.  Che sono le uniche vie possibili verso un futuro responsabile e rispettoso, etico, ricco ed ecosostenibile».




ALTRE IMMAGINI

L'innovazione protagonista al Forum Roma Tech&Lighting
L'innovazione protagonista al Forum Roma Tech&Lighting
L'innovazione protagonista al Forum Roma Tech&Lighting

ALLEGATI

  • ebiten nazionale
  • formazienda
  • fidicom asvifidi