venerdì 01 luglio 2016

SISTEMA IMPRESA

10-12-2014

Le vie dello shopping perdono valore

Tazza: «Dobbiamo valorizzare i centri storici, è nell’interesse di tutti»




Anche per le vie tradizionale dello shopping sono tempi duri.

 

Secondo un monitoraggio - effettuato dall’operatore immobiliare World Capital su 67 vie italiane dello shopping - che ha misurato la capacità delle vetrine nei luoghi tradizionali di catalizzare i consumi, è emerso che:

  • l’andamento del canone di affitto di un’unità commerciale riflette sempre il successo della location: più la via è richiesta dai brand più riesce ad attirare i clienti e quindi i prezzi tendono a salire (es: via Monte Napoleone a Milano o via Del Corso a Roma)
  • la crisi pesa soprattutto sulle vie dello shopping che però non riescono più a conquistare le vetrine dei grandi brand della moda, sulle vie che sono realtà in trasformazione, che stanno cambiando identità e che, per il mutato assetto urbanistico, stanno facendo delle prove per trovare la loro nuova identità. In questi loghi non sempre i canoni di affitto diminuiscono: se qualcuno degli affittuari ha variato la percentuale media di sconto concessa al retailer, pur di non lasciare sfitti gli spazi impattando anche sull’immagine dell’intera via (come ad esempio in via Tornabuoni a Firenze dove si è scesi anche a -18%), in altri luoghi le percentuali si sono abbassate solo del 3%.  La World Capital ha stimato un ribasso medio massimo del 9,8%

(fonte il Sole 24 Ore)

 

 

Tazza: «Purtroppo la chiusura di diversi negozi nei centri storici è un fenomeno con cui il settore deve fare i conti, l’ effetto più evidente della pesante crisi dei consumi a cui siamo sottoposti. Le vetrine spente e le serrande abbassate sono sempre di più e – come dice lo studio di World Capital – spesso gli affittuari non sono disposti ad abbassare i costi dei canoni.  Occorre però tenere presente che è nell’interesse di tutti valorizzare i centri delle  nostre città, perché oltre a rappresentare il cuore commerciale del Paese, hanno un importante funzione sociale di presidio dei territori che non possiamo sottovalutare. È necessario che le varie amministrazioni comunali prestino la dovuta attenzione al tema tanto delicato, anche per garantire la sicurezza degli addetti ai lavori e dei cittadini, tutti»

  • ebiten nazionale
  • formazienda
  • fidicom asvifidi