giovedì 26 maggio 2016

SISTEMA IMPRESA

21-01-2015

Saldi. Primo bilancio positivo

Più 2% rispetto allo scorso anno nello stesso periodo




«Abbiamo appena superato la metà del mese, tutto sommato i commenti dei commercianti sono ottimisti, cautamente ottimisti. Quel 2% in più rispetto allo scorso anno nello stesso periodo significa non solo restituire un po’ di ossigeno agli operatori ma soprattutto che un miglioramento, seppur tenue, c’è stato» ha commentato Berlino Tazza, presidente di Sistema Commercio e Impresa.

 

I dati rilavati ci comunicano che, in linea con lo scorso anno, lo scontrino medio si aggira intorno ai 120 euro. In totale si prevede una spesa a famiglia di circa 300/350 euro in linea sempre con i dati del 2014.

 

 

«É bene ricordare che nei primi mesi del 2014 per ogni nuova attività si verificavano due chiusure. Il saldo tra aperture e chiusure nelle varie province italiane è  ancora negativo ma le proiezioni lo danno in miglioramento. Dal nostro osservatorio provengono timidi segnali confortanti che lasciano presagire un’ inversione di tendenza. Anche grazie agli eventi importanti alle porte, BIT e EXPO 2015 in primis, abbiamo ragione di pensare che possa essere il turismo uno degli assi trainanti della ripresa del settore».

 

Tazza torna sui saldi. «I primi indicatori positivi non sono da attribuire all’anticipo dei saldi, quei due giorni non hanno di certo cambiato le sorti delle vendite. Hanno senz’altro rappresentato un' opportunità che era giusto dare ai commercianti. È doveroso considerare però che, ormai da qualche anno, i saldi si sono trasformati nel momento ²clou² delle vendite e non dovrebbe essere così. I ribassi dovrebbero rappresentare per gli operatori del settore il momento in cui esaurire i capi della stagione che non sono ancora stati veduti, non l'unica vera occasione di vendita. Significa che qualcosa non sta funzionando. Come più volte ribadito, il calendario dei saldi andrebbe ripensato, a maggior ragione in un momento economico come quello che stiamo vivendo».

  • ebiten nazionale
  • formazienda
  • fidicom asvifidi