martedì 30 agosto 2016

SISTEMA IMPRESA

22-04-2015

Formazione. Specializzarsi per competere

Tazza: «La cultura della conoscenza è la strada che dobbiamo perseguire»




Contestualmente alla crescita del sistema della formazione, cominciano a farsi sentire toni più ottimistici e a intravvedersi prospettive di crescita economica per il nostro paese. Ne abbiamo parlato con Berlino Tazza, presidente di Sistema Commercio e Impresa.

 

 

Presidente, anche nelle imprese del suo sistema associativo si respira questo ottimismo?

I toni ottimistici fanno bene e rafforzano il clima di fiducia, anche nelle nostre imprese. Ma parlare di una crescita stabile è alquanto prematuro. Solo qualche giorno fa Bankitalia ha calcolato che il debito delle amministrazioni pubbliche era aumentato di 3,3 miliardi rispetto a gennaio, salendo a 2.169,2 miliardi e raggiungendo così il suo massimo storico. La verità è che resta molto da fare, in primis attuare le riforme e investire nelle politiche attive. Non può essere diversamente se vogliamo dar sostegno alle imprese in termini di competitività e competenze, a favore delle quali la formazione resta lo strumento più idoneo.

 

 

La formazione è stata determinante per le imprese. Continuerà a esserlo?

Lo sarà più che mai, in quanto occasione d’investimento per l’imprenditore e per il dipendente: l’azienda investe nel proprio capitale umano e questo diventa asset strategico. Direi che il lifelong learning si impone come il congegno principe per rilanciare e garantire la permanenza delle PMI all’interno di un mercato sempre più competitivo.

 


Ne ha riprova?

Lo afferma il XV Rapporto Isfol, che certifica un aumento di imprese aderenti ai fondi interprofessionali e nello specifico al fondo Formazienda. Ancor più lo testimoniano le imprese che a questo fondo si sono affidate e che, anche in questi anni di crisi, hanno migliorato le performance produttive.

 


Tutti gli asset su cui devono puntare le imprese sono riconducibili alla formazione?

Certo. Innovazione, sicurezza, internazionalizzazione, ricerca sono asset, determinanti per lo sviluppo delle imprese che passano dalla formazione. Ormai è necessario specializzare il proprio sapere professionale per essere competitivi su un mercato sempre più globale. La cultura della conoscenza è la strada che dobbiamo perseguire.

 

 

 

  • ebiten nazionale
  • formazienda
  • fidicom asvifidi