mercoledì 31 agosto 2016

SISTEMA IMPRESA

04-05-2015

Partito Expo 2015. Primo bilancio

Un Expo supertecnologico: Telecom ha registrato 337giga traffico dati 1 maggio




È l'Expo del cibo o dei 'social network'?

Messaggi facebook, video da condividere, foto da commentare e chat per raccontare un viaggio intorno al mondo partendo da Milano. Chi l’ha fatto da padrone, all’inaugurazione di Expo Milano 2015 è stata proprio la tecnologia, per ora. A confermarlo è stato  Marco Patuano, ad di Telecom: «È l'Expo dell'ultratecnologia, il traffico del 1 maggio, prima giornata, è impressionante: in media ogni visitatore ha usato una quantità di giga che di solito consuma in un mese: 337 giga, generalmente una persona ne consuma 1 e mezzo in un mese. Le telefonate sono state 71 mila con alcuni picchi di traffico intenso, intorno ai 150 megabit al secondo».

 

 

I visitatori sono stati 200 mila e grazie ai tabulati – attraverso i quali si è individuata la fascia oraria con maggiore traffico telefonico - si è stati anche in grado di calcolare gli eventi che hanno attirato maggiore interesse: la Cerimonia di inaugurazione, con i piccoli cantori che intonavano l'Inno e le Frecce Tricolore che passavano in cielo; la visita del premier Renzi a palazzo Italia, che ha regalato selfie e battute con il pubblico.

 

 

Sono stati più di mezzo milione i visitatori di Expo nel primo week-end di apertura.

Il picco è stato nella giornata di sabato, mentre domenica, complice anche il cielo grigio, gli arrivi si sono leggermente diradati. Questo non ha evitato file davanti ai padiglioni di alcuni Paesi come la Malesia, la Tailandia, gli Emirati Arabi e il Brasile.

E non ha evitato neanche le file per provare cibi esotici o meno. Il commissario Giuseppe Sala in conferenza stampa ha spiegato che bar e ristoranti hanno avuto «una fatturazione fuori dimensioni anche rispetto alle loro aspettative».

 

Per l'apertura completa dei nove cluster (cioè i padiglioni collettivi che ospitano più Paesi legati a un unico tema, dal riso al caffé, dalle zone aride al biomediterraneo) si dovrà ancora aspettare.

Al momento su 65 spazi espositivi, che ospitano 84 paesi, sono aperti solo 48. Il motivo principale, spiegano da Expo, è che alcuni Paesi stanno ancora aspettando l'arrivo degli arredi espositivi. D'altronde ci sono Stati che hanno dato l'adesione ad Expo all'ultimo momento.

Fonte Ansa

 

  • ebiten nazionale
  • formazienda
  • fidicom asvifidi