venerdì 27 maggio 2016

SISTEMA IMPRESA

01-09-2011

In armonia lavoro e famiglia

Parte il progetto di conciliazione tempi di lavoro e della famiglia




Si chiama In armonia lavoro e famiglia ed è il progetto sperimentale con cui Asvicom Cremona e altre 8 realtà aziendali che gravitano intorno ad essa, hanno colto l’invito della Confederazione Sistema Commercio e Impresa  e dalla Confederazione dei lavoratori Confsal in merito all’iniziativa del Ministero delle Pari Opportunità di dare maggior vigore al Fondo per le politiche relative ai diritti e alle pari opportunità.

Il progetto intende promuovere iniziative volte a conciliare gli orari di lavoro con quelli della famiglia. Armonizzare gli impegni domestici con i doveri della vita lavorativa è condizione essenziale affinchè si compia un miglioramento delle condizioni di vita dei dipendenti e della loro quotidianità ed è allo stesso tempo un beneficio per l’azienda che ne guadagna in competitività. In armonia lavoro e famiglia coinvolge sia i titolari o amministratori delle imprese, che i loro dipendenti/collaboratori delle aziende attuatrici,ma anche i negozi di vicinato, persone in cerca di lavoro che si prestano a svolgere i servizi di conciliazione, consulenti del lavoro, commercialisti, legali e sindacalisti.

Il progetto, unico nel suo genere, prevede:

  • l’introduzione di formule family friendly atte a rispondere alle esigenze dei dipendenti e dei collaboratori (banca delle ore; orari flessibili in entrata e in uscita; sviluppo e gestione di piani congedo per la maternità/paternità);
  • reali servizi di conciliazione in cui vengono effettivamente strutturati servizi aziendali di stireria, maggiordomo, taxi; integrazione dello stipendio in maternità che prevede l’aumento al 100% dello stipendio di maternità obbligatoria e facoltativa.
  • Ogni ambito di intervento dà la possibilità a dipendenti e collaboratori di fruire dei servizi senza costi aggiuntivi.

Qualche approfondimento merita certamente il servizio di stireria, “maggiordomo” e ritirare/ accompagnare figli a scuola o a svolgere le diverse attività sportive e ludiche. Per la stireria è stato assunto un dipendente che stirerà la biancheria dei nuclei famigliari dei dipendenti delle 9 aziende attuatrici. Il maggiordomo  sarà un dipendente incaricato di fare la spesa per tutti i colleghi delle imprese in collaborazione con alcuni negozi di vicinato. Infine il “passaggio” ai figli viene dato da un servizio di taxi.

Dopo la conferenza di presentazione del progetto del 31 agosto 2011 durante la quale hanno espresso parere positivo per l’iniziativa Massimiliano Salini, presidente della provincia di Cremona; Gianni Rossoni, assessore all’istruzione, formazione e lavoro di Regione Lombardia; Deborah Mossoni, consigliera di Parità dell’amministrazione provinciale; Maria Grazia Cappelli, dirigente della Camera di Commercio; Mia Miglioli, assessore alle Pari Opportunità del Comune di Crema, la sperimentazione è partita dal 1 settembre 2011.  «I risultati attesi, oltre ad una naturale ed intrinseca conciliazione dei tempi di vita e di lavoro ed un conseguente sviluppo della qualità della vita e della coesione sociale, sono alti» ha spiegato Enrico Zucchi, segretario generale di Asvicom. Ed ha aggiunto Berlino Tazza, presidente di Sistema Commercio e Impresa: «Lo spiccato senso di welfare aziendale dimostrato da Asvicom Cremona, ci si auspica possa essere replicato in altre micro, medie e piccole imprese. Ci auguriamo che il progetto possa aumentare la sensibilità nei confronti del tema della conciliazione da parte di altre realtà aziendali oltre a produrre  un incremento dell’attaccamento dei collaboratori al brand Asvicom espressione di Sistema Commercio e Impresa».

Nella foto da sinistra: Mia Miglioli, Maria Grazia Cappelli, Gianni Rossoni, Enrico Zucchi, Massimiliano Salini, Deborah Mossoni

In allegato il progetto In armonia lavoro e famiglia 




ALTRE IMMAGINI

  • ebiten nazionale
  • formazienda
  • fidicom asvifidi